Gli gnomi di Breslavia

Gli gnomi di Breslavia in Polonia sul fiume Oder, sono una vera curiosità, tra ponticelli, isolotti e viette medievali fanno bella mostra di se.
Perchè degli gnomi a Breslavia? A chi è venuto in mente di lasciarli girare indisturbati per la città? Nel periodo del regime comunista degli anni ottanta, nacque un movimento di protesta, l’Alternativa Arancione. I suoi sostenitori utilizzavano un singolare modo per fare opposizione, disegnavano sui muri degli gnomi  che mettevano in ridicolo il governo sbeffeggiandolo. In poco tempo ne comparvero un migliaio.  Le scritte di protesta venivano sistematicamente cancellate, gli gnomi resistettero. Solo più tardi nel 2001 gli gnomi di bronzo, gesso o rame hanno fatto la loro comparsa diventando una piacevole attrattiva.
Oggi, per i turisti  in cerca degli gnomi, è stata creata una mappa cartacea che viene aggiornata ogni qualvolta sbuchino dei nuovi personaggi, agevolando così la ricerca anche per le sculture più nascoste.
Le statuette degli gnomi rappresentano diversi momenti di vita. Ci sono gnomi che lavorano, altri che si divertono, altri ancora che riposano o fanno la guardia.
Gli gnomi di Breslavia sono diventati un vero business per la città. I turisti possono partecipare a visite guidate, divertirsi al Festival degli gnomi, portarsi a casa souvenir…..gnomi ….gnomi e ancora gnomi.

Divertenti, spassosi, imprevedibili. Non vedo l’ora di andarli a “cercare” di persona. Sarà come una caccia al tesoro. Un tesoro veramente! Gli artisti hanno fatto un regalo prezioso alla città di Breslavia. Ecco come l’arte può in modo potente diventare testimone di una protesta silenziosa e poi lasciare ai cittadini un’eredità unica.


Precedente Scultura di Enrico Rimoldi Successivo La mia crisalide