La mia lampada “2”

La mia lampada “2”.

La mia lampada “2”  ideata e scolpita per farne un dono. Un dono ad una persona, meritevole di una “signora laurea” da 110 e lode.

Jpeg

Jpeg

JpegHo saputo la data della laurea della dottoressa Fabiana solo due mesi prima che iniziassi il lavoro. So che per molti scultori veloci e bravi sarebbe da considerarsi un lasso di tempo di realizzazione più che considerevole, ma per me, che lavoro ed ho tanti impegni, i tempi sono stati strettissimi.

Per scolpire la mia lampada “2” ho utilizzato un pezzo di legno di faggio preparato al disegno con una livellata e parziale carteggiatura. Avendo un’idea sui gusti di Fabiana e sull’arredo della sua abitazione ho pensato di orientarmi su uno stile pseudo-etnico. Insomma più o meno.

Difficile interpretazione vero? Diciamo che ho cercato di dare alla scultura un’aspetto armonico e gradevole. In genere quando si decide di scolpire un pezzo ci si affida alle proprie tendenze, ai propri archetipi. Diverso approccio quando si decide di scolpire per un dono, perchè oltre l’incognita dell’apprezzamento ci rende vulnerabili anche lo stato emotivo. Ansia da prestazione? Ebbene si !

Così, finito il lavoro con gli scalpelli, ho deciso di passare una mano di vernice bianca all’acqua sulle parti non lisce e di carteggiarle leggermente per dare un tocco fresco e giovanile. Ultima finitura un’abbondante passata con cera d’api.

Per far passare il filo della corrente ho dovuto forare la lampada in tutta la lunghezza e sono stata aiutata da due amici Pino e Massimo. Altro valido aiuto per la parte elettrica l’ho avuto da mio marito. Come vedete non sono una scultrice “a tutto campo”.

Fabiotta, così chiamo con affetto la dottoressa Fabiana, è stata contenta di riceve la lampada in regalo ed io sono stata orgogliosa di aver lavorato per una laurea così importante.

Alla prossima lampada “3”

Jpeg

 

Jpeg

Jpeg

Jpeg

2 thoughts on “La mia lampada “2”

    • intaglioescultura il said:

      Grazie Lise, dovrei prendere spunto dalle tue fotografie. Ne ho viste di veramente belle.
      Un abbraccio