PROGETTO IN COMUNE. TERZA PARTE

Progetto in comune. Terza parte.

Cari amici, il progetto “Ardendo il ciocco mi parlava di te”, è arrivato alla terza fase di lavorazione.

Sempre allegri e super motivati, gli scultori ora sono passati dal momento esplorativo-fantasy al momento bollente-creativo. Come potrete vedere dalle fotografie, qui si parla di grande ingenio!Continuano i momenti di confronto e collaborazione. Enrico ci è di grande aiuto con i suoi consigli pratici ed insegnamenti. Valido supporto per aiutarci ad uscire dai meandri delle incertezze.

Ci sono stati dei giorni che tutt’intorno al laboratorio, riecheggiava il dolce rumore delle motoseghe, quasi come una dolce ninnananna. Ma il lavoro deve procedere e si sa….. i muscoli devono saltar fuori…..ed anche le sculture……

Come potete vedere nella fotografia qui sotto,  non solo le motoseghe sono state di grande aiuto ma anche altri ausili e marchingegni elettrici. La sgrossatura diventa meno gravosa e snervante. Ognuno di noi, a progetto definito, si è portato il ciocco di legno su cui iniziare la scultura. Si lavorerà del cedro, dell’ontano, del noce e se non vado errato anche del pioppo.

Poi finalmente le sgorbie e il mazzuolo. E’ stato bellissimo  vedere le idee dei  compagni prender forma e credo che lo sarà ancora di più a fine lavori.  Non solo più parole….

E così “Ardendo il ciocco mi parlava di te” si esprime in tante lingue. Ed ecco tante piccole bozze…

 

 

 

 

 

 

 

Ormai è qualche mese che lavoriamo al progetto comune e se per qualche scultore, i tempi  di lavorazione possono sembrare troppo lunghi, vi posso assicurare che non è proprio così. Alcuni di noi hanno avuto dei rallentamenti dovuti a problemi personali, altri sono partiti un pò in ritardo a causa di ripensamenti. Poi c’è chi lavora e può dedicare poche ore a settimana alla scultura. Di sicuro una cosa è certa! Ci si aiuta e incoraggia a vicenda. Comunque sia, siamo già quasi tutti a buon punto e non vediamo l’ora di presentarvi le opere compiute. 

Precedente Un progetto in comune. Seconda parte. Successivo La Medusa di Matteo Gandini